Il Partito Comunista russo vuole bandire la serie “Chernobyl”

Il partito Marxsista-Leninista “Comunisti di Russia” ha chiesto a Roskomnadzor, l’organo che regolamenta la TV russa, di impedire l’accesso alla miniserie HBO Chernobyl.

Il partito, da non confondere con il Partito Comunista della Federazione Russa, vuole prendere misure legali per diffamazione contro lo scrittore, il regista e il produttore della serie HBO. La serie sarebbe infatti una “manipolazione di una tragedia per fini ideologici […] demonizzando il regime e il popolo Sovietico“. Nonostante ciò, il segretario del partito Sergey Malinkovich ritiene che Chernobyl riporti correttamente la cronologia degli eventi legati all’esplosione.

Leggi anche: Chernobyl: recensione 1×01 in anteprima Sky

A riguardo Roskomnadzor ha detto ai media russi di non aver ancora ricevuto una richiesta ufficiale. Aggiungendo poi che se questa dovesse arrivare risponderà, come stabilito dalla legge.

Il disastro di Chernobyl raccontato da HBO.

La miniserie targata HBO, che racconta dell’esplosione della centrale nucleare avvenuta nel 1986, è diventata un fenomeno globale, ottenendo un grande successo in tutto il mondo. Persino in Russia, dove è in preparazione un’ulteriore serie televisiva sul disastro di Chernobyl.

Che sia l’inizio di una nuova guerra fredda combattuta a colpi di serie TV?

Fonte: Deadline