Mindhunter | Criminali si nasce o si diventa?

“Quarant’anni fa la vostra FBI è stata creata per dare la caccia a John Dillinger”

Con una scena cruenta e a dir poco violenta, Mindhunter fa il suo debutto sulla piattaforma Netflix. Siamo catapultati negli Stati Uniti degli anni ’70 dove Charles Manson e David Berkowitz sono diventati l’incubo di un’intera nazione per via della loro perversione nel compiere omicidi. La domanda sorge dunque spontanea: Criminali si nasce o si diventa?

Holden Ford è un giovane agente federale specializzato in negoziazione di ostaggi. Malgrado abbia esperienza sul campo, viene spesso relegato al ruolo di docente di psicologia criminale a Quantico. Durante le sue lezioni, sia grazie al suo personale riscontro con gli studenti che con gli altri professori, si accorge che ormai ciò che insegna è del tutto obsoleto. Infatti, le precedenti teorie e i manuali non riescono più ad essere indispensabili strumenti per risolvere i nuovi casi di omicidio. Così tra un tentativo di aggiornamento e l’altro della propria materia, Holden suscita l’interesse del collega Bill Tench che decide di portarlo con sè in uno dei suoi giri tra i vari distretti di polizia. I due, per la prima volta, si confrontano con un bizzarro e irrazionale caso di omicidio su cui è difficile applicare le vecchie teorie da manuale. Il modo di fare crimine è cambiato e l’FBI dovrà cambiare il suo atteggiamento di conseguenza.

Tre sono le battaglie che dovrà combattere l’agente Ford:

  1. il formalismo patinato del Federal Burreau che ha smesso di farsi domande e vede nell’indagine psicologica un settore secondario;
  2. la pigrizia dei cadetti nel risolvere i casi tramite un proiettile piuttosto che cercare di aprire un dialogo con i criminali
  3. l’arroganza del protagonista di trovare una teoria unica che spiega in maniera concreta gli atteggiamenti criminali dei killer.

Un pilot lungo e lento che si comprende appieno solamente guardando i primi due episodi. Essi mostrano proprio gli albori di questo studio sulla mente criminale, di come il direttore non sia propriamente d’accordo con le decisioni e le azioni compiute dai due protagonisti, ma alla fine sulle note di Psycho Killer dei Talking Heads acconsente a queste interviste.

Gli spunti che lancia sono interessanti e i dialoghi sono intensi, specialmente quelli tra Holden ed Ed Kemper. Amanti del crime siete pronti ad entrare nella mente dei più temuti criminali statunitensi?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.