To the Bone | Un tabù che Netflix ha deciso di abbattere

626

Molti sono i lungometraggi e/o serie tv, basati su argomenti che potrebbero far discutere, che stanno riempiendo Netflix.
Uno su tutti è proprio “Fino all’Osso”: film molto atteso, disponibile da quest’estate in streaming sulla nostra piattaforma preferita, che parla della delicata questione dei disturbi alimentari.
Dell’anoressia non se ne parla spesso, soprattutto in ambito cinematografico, ma questa volta la regista Marti Noxon sembra sia riuscita a stupire tutti.

Nel ruolo della protagonista troviamo la bravissima Lily Collins: interpreta i panni di Ellen una giovane ragazza di vent’anni, proveniente da una situazione familiare molto complicata e davvero sfavorevole per la sua patologia.
La famiglia non è in grado di trovare una soluzione al suo problema e, dopo vari tentativi falliti, opta per un dottore (interpretato dal fantastico Keanu Reeves) che utilizza dei metodi sicuramente innovativi e non convenzionali, cercando di farla integrare, con altri ragazzi della sua età (affetti da anoressia e bulimia), all’interno di una sorta di casa famiglia.
In questo luogo, dopo una serie di vicissitudini, Ellen si troverà realmente a fare i conti con la sua malattia e dovrà decidere se vuole realmente guarire.

To the Bone | Un tabù che Netflix ha deciso di abbattere 1

Quando si vive l’anoressia sulla propria pelle.
Lily Collins per interpretare questa parte ha dovuto modificare molto il suo corpo, perdendo ben 9kg, condizione difficile per chiunque ed ancor di più per lei, che non si vergogna nell’ammettere che, durante l’adolescenza, ha sofferto di disturbi alimentari.
Il divorzio dei suoi genitori e la mancanza del padre (il noto cantante Phil Collins), sempre in tour, non hanno migliorato la situazione e le condizioni della giovane attrice si erano aggravate talmente tanto, da bloccarle il ciclo mestruale per ben due anni.
Fortunatamente ha trovato il modo di reagire, pensando al suo futuro, alla sua carriera (Lily ha 28 anni, ma vanta già parecchi successi), e alla possibilità di una famiglia futura.
La sua esperienza si legge nel libro: Unfiltered, scritto da lei per sostenere e aiutare tutte le persone affette da patologie, come quelle con cui aveva dovuto combattere.

To the Bone | Un tabù che Netflix ha deciso di abbattere 2

Le critiche sul film ed, infine, il messaggio che vuole lasciarci.
Quando si trattano argomenti così delicati le polemiche non tardano ad arrivare.
L’accusa maggiore è quella di parlare di un problema, molto grave e molto diffuso, come quello dei disturbi dell’alimentazione, rendendolo quasi normale, banalizzandolo e semplificandolo, fino quasi a diventare “glamour“.
Stesse polemiche aveva ricevuto 13 reason why: la serie Tv shock (in cui troviamo argomenti come la depressione, il bullismo e il suicidio), che aveva tanto fatto discutere.
La domanda principale rimane sempre la stessa: “E’ meglio parlarne? In qualsiasi modo, purché se ne parli?”.
Bisognerebbe evitare di rappresentare sugli schermi problemi come l’anoressia o la depressione, oppure, dal momento che moltissimi adolescenti ne soffrono, bisognerebbe parlarne di più?
Per quanto riguarda questo film, la paura risiede in immagini e riferimenti troppo veri: ovvero i metodi utilizzati dalle ragazze anoressiche per dimagrire che potrebbero essere emulati.

To the Bone | Un tabù che Netflix ha deciso di abbattere 3

“Mi piacerebbe che le persone capissero che l’anoressia è un disturbo che non ha nulla a che vedere con la vanità”
-Lily Collins

Parte del messaggio che il film ci vuole lanciare è proprio questo, la stessa Lily Collins l’ha ribadito più volte: l’anoressia non è un qualcosa che si desidera, non è vanità.
L’attrice spera che vedere come Ellen tocchi il fondo e riesca poi a risalirvi, per capire come cominciare a guarire, possa essere per tutti un modo per riflettere.
Come accade anche all’interno della pellicola con la protagonista, lo spettatore viene messo faccia a faccia con la realtà, sperando che così si possa rendere conto dell’esistenza di gravi problemi come quello dell’anoressia e che possa prendere più consapevolezza.

 

To the Bone | Un tabù che Netflix ha deciso di abbattere 4

E voi, cosa ne pensate di questo film? Fateci sapere.
Cliccate qui sotto e veniteci a trovare sulla nostra pagina Facebook.

To the Bone | Un tabù che Netflix ha deciso di abbattere 5

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here