Purl: il corto Pixar sulle discriminazioni di genere

    0
    285

    Purl fa parte della lista di cortometraggi Pixar presenti sul catalogo di Disney Plus che merita sicuramente di essere visto. Vediamo insieme perchè!

    Purl fa parte del progetto Sparkshorts della Pixar Animation Studio, un programma per scoprire nuovi sceneggiatori e animatori esplorando nuove storie e nuovi modi di raccontare. Ad ogni partecipante viene dato un budget e sei mesi di tempi per elaborare un corto da presentare alla commissione. Da Sparkshorts sono nati i 5 corti Pixar, presenti su Disney + e di cui il nostro Matteo vi ha parlato in questo articolo.

    Di cosa parla Purl?

    Purl è un gomitolo rosa che viene assunto dalla B.R.O. Capital, azienda prettamente maschile e nella quale è molto difficile inserirsi, specialemente se non si è il tipico maschio eterosessuale. La nostra protagonista, ignorata dai suoi colleghi per la sua diversità, decide di adeguarsi e inizia ad adottare gli stessi atteggiamenti, battute e, persino, il medesimo abbigliamento dei colleghi.

    Finalmente, diventa parte del gruppo, partecipa alle riunioni, va con loro agli aperitivi, iniziano ad ascoltare la sua voce. Peccato che per farlo, Purl è costretta a rinunciare a se stessa. Quando l’azienda assume Lacey, un gomitolo giallo, Purl dovrà scegliere se ignorarla, oppure decidere, finalmente, di dare una svolta decisa alla situazione.

    Leggi anche: Netflix rescinde ogni tipo di contratto con la Weinstein Company

    Perché vedere Purl?

    Il corto è scritto e diretto da Kristen Lester, che ha raccontato di essersi ispirata alla sua esperienza in numerose aziende per narrare il disagio di Purl. La B.R.O. Capital può essere considerata un esempio delle numerose aziende statunitensi (e non solo!), nelle quali la diversità non è molto accettata e, soprattutto, valorizzata.

    Purl è un’allegoria del femminismo e tocca il fenomeno delle donne sui luoghi di lavori e di cosa vanno incontro in ambienti totalmente maschili e tossici. Alcuni critici hanno proposto che il corto sia visto come video di formazione per sensibilizzare i lavoratori sul problema delle quote rosa e dell’inclusione nell’ambiente di lavoro. Inoltre, in pochi minuti, mostra allo spettatore non solo come sia difficile rendere inclusiva un’azienda, ma anche quanto sia arduo il compito di coloro che ci provano.

    Se vi va di guardare qualcosa di breve, ma significativo, date un’occhiata a questo cortometraggio, non ve ne pentirete!

    Per ulteriori aggiornamenti su Disney + e non solo, continute a seguire Fuori Series!