A Week Away: la recensione del nuovo musical targato Netflix

21

Uscito a fine marzo su Netflix, A Week Away è il nuovo musical dai toni molto Disney Channel. Vediamo cosa ne pensa l’Inguaribile Romantica…

Spiccatamente per un pubblico adolescenziale, A Week Away risulta perfetto anche per le persone che come me sono cresciute a pane e Disney Channel. Già perché il nuovo musical targato Netflix altro non è che una rivisitazione dei celebri High School Musical e Campo Rock in chiave moderna.

Unica pecca? Forse lo sguardo religioso, ma che passa subito in ultimo piano quando i protagonisti iniziano a cantare.

Prima di continuare nella lettura mi piacerebbe invitarti nel nostro canale Telegram dedicato a tutte le news sul mondo Netflix. Iscriviti a NEWS NETFLIX ITALIA e rimani sempre aggiornato in tempo reale sulle tue serie tv e i tuoi film Netflix preferiti! Non preoccuparti, non è un canale esclusivo, lo abbiamo esteso anche a Disney Plus e Amazon Prime Video!

A Week Away: la recensione del nuovo musical targato Netflix 1

A Week Away in pillole

Will Hawkins è un adolescente tormentato, è il classico ragazzo difficile che dopo un acceso scontro con la legge si trova davanti ad una scelta importante per la sua vita. Andare in carcere oppure frequentare un campo estivo cristiano? Concedendosi un’ultima possibilità parte per l’Aweegawe. Inizialmente spaesato, Will riesce però ad aprirsi e ad innamorarsi di Avery. Chi l’avrebbe mai detto che proprio quell’esperienza estiva l’avrebbe reso una persona migliore?

A Week Away, trama e trailer del musical cristiano per ragazzi su Netflix

La forza della musica

Un po’ Camp Rock, un po’ I Passi dell’Amore, insomma A Week Away cerca di ripercorrere alcuni pilastri della classicità romantica mescolando musica e dramma in maniera semplice e genuina. Non c’è bisogno di essere catastrofici per coinvolgere lo spettatore, alcune volte basta veramente poco: balletti travolgenti e canzoni che rimangono in testa per giorni.

Il punto di forza di questi film sta proprio nella colonna sonora. La trama, come si intuisce subito dal trailer, non ha niente di speciale ed unico. Un già visto e già sentito senza troppi fronzoli, ma che riesce lo stesso ad intrattenere lo spettatore. Stai pur certo che verso la fine del film ti ritroverai in piedi sul divano a mimare le coreografie e a cantare a squarciagola sulle note di Best Thing Ever.

Summer Lover happend so fast

Ora però ci addentriamo meglio in questo amore nato in un campo estivo, che come cantavano John Travolta e Olivia Newton John, happened so fast. Avery e Will sono due anime tormentate accomunate entrambe dalla scomparsa genitoriale. Lui è perennemente arrabbiato con il mondo mentre lei invece è riuscita a trovare pace e serenità.

Sarà proprio Avery con tutta la sua bontà e dolcezza ad aiutare Will a metabolizzare questa perdita, ma soprattutto ad andare avanti con la sua vita. A non gettare tutto alle ortiche, ma di godersi ogni singolo attimo. Dopotutto a detta del dirigente del campo: l’esperienza al Aweegawei può cambiarti per sempre la vita in soli sette giorni.

A week away, la recensione | Cinema - BadTaste.it

Con Fuori Series rimanere sempre aggiornati è semplicissimo, iscriviti alla nostra pagina Facebook o seguici su Instagram per ricevere tutti gli aggiornamenti, in tempo reale, delle tue serie preferite!