Britney vs. Spears: il documentario sulla battaglia legale della pop star arriva su Netflix

39

Esattamente una settimana prima della sua prossima udienza di tutela, su Netflix debutterà Britney vs. Spears, il documentario sulla decennale battaglia legale della pop star americana. Ecco tutti i dettagli!

“Britney vs. Spears” debutterà su Netflix il 28 settembre. Il giorno successivo, il 29 settembre, si terrà in tribunale l’udienza più significativa della lunga ed estenuante battaglia legale della cantante per la sua libertà e tutela. Per più di un decennio infatti suo padre, Jamie Spears, è il suo unico tutore oltre ad amministrare da solo il suo intero patrimonio.

Prima di continuare nella lettura mi piacerebbe invitarti nel nostro canale Telegram dedicato a tutte le news sul mondo Netflix. Iscriviti a NEWS NETFLIX ITALIA e rimani sempre aggiornato in tempo reale sulle tue serie tv e i tuoi film Netflix preferiti! Non preoccuparti, non è un canale esclusivo, lo abbiamo esteso anche a Disney Plus e Amazon Prime Video!

Britney vs. Spears: il documentario sulla battaglia legale della pop star arriva su Netflix 1

Britney vs. Spears, il documentario

La voce della pop star si sente da una registrazione audio. Si tratta proprio della sua testimonianza datata 23 giugno al Los Angeles Superior Courthouse, dove si è rivolta alla corte per la prima volta pubblicamente, dicendo al giudice che è traumatizzata e supplicando: “Rivoglio la mia vita.”

Il titolo del documentario, “Britney vs Spears”, è un chiaro riferimento alla battaglia dell’amata Britney Spears contro il padre, accusato di “abuso di custodia”. La pop star internazionale chiese infatti a un giudice quest’estate di “sporgere denuncia” contro di lui. (In effetti, proprio questa mattina, l’avvocato della Spears ha depositato documenti legali, sollecitando, ancora una volta, la “sospensione immediata” di Jamie Spears, in vista dell’udienza della prossima settimana, e indicando che la tutela verrà interrotta entro l’autunno.)

LEGGI ANCHE: Il Principe Harry e Meghan Markle arriveranno su Netflix con nuovi film, serie, documentari e molto altro

La trama del progetto

Il progetto Netflix, diretto dalla regista Erin Lee Carr, è in lavorazione da oltre un anno. Il documentario sarà incentrato sulla tutela della Spears, ponendo domande sulla necessità dell’insolito accordo legale e analizzando la presunta corruzione del padre. Inoltre tratterà anche dei numerosi problemi legati alle leggi sulla tutela e sul sistema giudiziario nella sua totalità.

Netflix non ha annunciato chi apparirà nel documentario, quindi non è chiaro chi dall’orbita di Spears – amici o familiari – potrebbe aver partecipato al progetto. Tuttavia, dalle immagini rilasciate sappiamo che sarà presente l’ex assistente della cantante, Felicia Culotta.

L’estenuante battaglia legale di Britney

Sebbene avesse già parlato in tribunale nel 2019, lo scorso giugno ha segnato la prima volta in cui la Spears si è rivolta pubblicamente a un giudice. Un’evento che ha catapultato ancora più interesse per la sua situazione, suscitando indignazione tra i suoi fan in tutto il mondo. Dopotutto è una battaglia che si disputa dal 2008 quando la sua tutela è iniziato.

Britney vs. Spears: il documentario sulla battaglia legale della pop star arriva su Netflix 2

Durante la testimonianza a giugno, la cantante ha dettagliato accuse strazianti, tra cui l’impossibilità di sposarsi e di avere un bambino essendo costretta a tenere nel suo dispositivo contraccettivo IUD. (Questo mese, la Spears ha annunciato il suo fidanzamento con il fidanzato di lunga data, l’attore Sam Asghari.)

All’inizio di quest’estate, alla Spears è stata concessa la possibilità di assumere il proprio avvocato dopo aver lavorato con un avvocato nominato dal tribunale, Samuel D. Ingham, da quando è stata posta sotto la tutela. La cantante ha assunto Matthew Rosengart come suo consulente e da quando lo ha coinvolto, il caso ha visto più movimento in pochi mesi di quanto non abbia visto negli ultimi 13 anni.

La battaglia legale della star ha avuto una svolta decisiva all’inizio del mese scorso quando suo padre ha detto che avrebbe accettato di lavorare con il tribunale per dimettersi dal ruolo di tutore del patrimonio di sua figlia. Quindi, ha chiesto bruscamente alla corte di porre fine del tutto alla situazione. Rosengart ha accusato Jamie Spears di “dissipare” la fortuna multimilionaria del suo cliente e ha affermato che si trattava di un tentativo di estorsione. Così facendo infatti avrebbe ottenuto 2 milioni di dollari dal patrimonio di sua figlia, in cambio di dimettersi dalla tutela.

Anche se questa è di per sé una grande vittoria per la Spears. La strategia legale di suo padre è complessa ed egoistica, secondo gli esperti che mettono in guardia su quali passi il tribunale potrebbe intraprendere all’udienza della prossima settimana. L’avvocato della Spears, Rosengart, non ha ancora chiesto ufficialmente di porre fine alla tutela, ma nel deposito di oggi, ha chiesto alla corte di fissare un’udienza sulla cessazione della tutela “al più presto possibile”.

Resta da vedere cosa deciderà la corte la prossima settimana all’udienza del 29 settembre.

Gli altri progetti sulla vita della star

Il documentario di Netflix non è il primo progetto incentrato sulla Spears. Il New York Times ha prodotto un documento per Hulu e FX, “Framing Britney Spears“, che ha dato uno sguardo al caso del conservatorship, al movimento #FreeBritney e alla narrativa misogina dei media che ha seguito la pop star per tutta la sua carriera sotto i riflettori.

A quel documento è stato attribuito il merito di aver galvanizzato l’interesse pubblico nel caso di alto profilo ed è stato nominato per due premi Emmy. La Spears ha detto di essere “imbarazzata” da quel documentario, anche se ha affermato di non averlo guardato.

Britney vs. Spears: il documentario sulla battaglia legale della pop star arriva su Netflix 3

Spears non ha ancora commentato il progetto Netflix. Non è chiaro se sia stata contattata o se ne fosse a conoscenza prima che fosse annunciato questa settimana.

Britney vs Spears” di Netflix è una produzione Story Syndicate, in associazione con Carr Lot Productions. Alla produzione è affiancato da Sarah Gibson, Kate Barry, Dan Cogan, Liz Garbus, Jon Bardin, Julie Gaither, Jenny Eliscu e Amy Herdy.

Con Fuori Series rimanere sempre aggiornati è semplicissimo, iscriviti alla nostra pagina Facebook o seguici su Instagram per ricevere tutti gli aggiornamenti, in tempo reale, delle tue serie preferite!