“Violet Evergarden: Eternity and the Auto Memory Doll”, la recensione del nuovo film anime

0
516

L’anime che ha commosso più di una centinaia di migliaia di spettatori ritorna con un nuovo film. Vale la pena guardarlo?

Con il titolo di Eternity and the Auto Memory Doll, la giovane Violet Evergarden ritorna su Netflix con nuove avventure. L’anime, che ha commosso più di una centinaia di migliaia di spettatori, non si fermerà solamente ai tredici episodi presenti sulla piattaforma, ma, per la gioia di noi fan, avrà due diversi film. Il primo è già disponibile su Netflix a partire da giovedì 2 aprile.

La trama ruota attorno alle figure di Isabella York e della piccola Tylor, due sorelle costrette a vivere separate una dall’altra a causa del fato. La prima è una giovane aristocratica alle prese con il suo debutto in società. Il collegio femminile è una vera e propria prigione, ma grazie all’intervento di Violet in qualità di sua tutor tutto diventa un pochino più facile. Nella seconda parte si articolano invece le vicende della piccola Tylor come postina per la città con la speranza, prima o poi, di ritrovare la sorella perduta.

Violet Evergarden: Eternity and the Auto Memory Doll (Anime ...

Una genesi travagliata

Prima di iniziare la visione forse è bene contestualizzare il prodotto. La realizzazione di Violet Evergarden: Eternity and the Auto Memory Doll è stata a dir poco travagliata. Impossibile infatti dimenticare l’incendio che il 18 luglio 2018 coinvolse la Kyoto Animation. In tale tragedia morirono più di 30 persone e tutta la produzione di nuovi anime fu bloccata per settimane. Il film risulta quindi essere il primo progetto ad aver debuttato una volta riaperta l’azienda. Diretto da Haruka Fujita e scritto da Reiko Yoshida, diventa il simbolo di un nuovo inizio.

Leggi anche: 10 motivi per iniziare a vedere Violet Evergarden

I punti di forza di Violet Evergarden: Eternity and the Auto Memory Doll

Il carattere distintivo di Violet Evergarden è l’animazione. Sia la serie che il film godono dello splendido lavoro fatto dagli animatori della KyoAni. Le animazioni sono fluide ed eleganti, ogni personaggio è sempre disegnato al meglio senza mai tralasciare i dettagli. Stesso commento si può fare agli incredibili scenari che ti catapultano in un mondo completamente diverso, un mondo diviso tra un futuro utopico e un passato medioevale. Altro aspetto degno di nota e che non si può assolutamente tralasciare, sono le musiche che accompagnano ogni singola storia. Queste infatti racchiudono tutta la carica emotiva della storia.

Violet Evergarden: Eternity And The Auto Memories Doll ...

In conclusione

Vista la lunga attesa, riponevo veramente grandissime speranze in questo film. Ero già pronta con tutto il mio kit anti-pianto ad emozionarmi e a commuovermi, ma purtroppo non mi è scesa neanche una lacrima. So sicuramente che non posso considerarlo un metro di paragone, però ho trovato la trama banale e completamente slegata. Sembra quasi che la produzione abbia voluto unire due episodi distinti in uno. A darmi forse ancora più fastidio è stata la scelta di mettere da parte la storia di Violet Evergarden per dar spazio a due personaggi con cui è difficile entrare in empatia. Insomma, un film che ha decisamente perso lo smalto dell’anime.

Subscribe

* Campi Richiesti

Vuoi rimanere sempre aggiornato? Continua a seguire Fuori Series!