Bojack Horseman: Alison Brie rimpiange di aver dato la voce a Diane

0
343

La star Alison Brie ha dichiarato sui social di rimpiangere la scelta di aver accettato il ruolo di doppiatrice di Diane.

Le parole arrivano direttamente dal profilo Instagram della star Alison Brie, voce di Diane in Bojack Horseman e protagonista della serie Netflix Glow. La dichiarazione dell’attrice arriva dopo le proteste delle scorse settimane del movimento Black Lives Matter a seguito della morte di George Floyd.

Alison Brie Diane Bojack horseman

Il Post di Alison Brie sui social

Come abbiamo già accennato, la star ha prestato la sua voce ad una delle protagoniste della serie tv animata Bojack Horsman, uno degli originali Netflix più belli di sempre. Dopo ben 6 stagioni, lo show è giunto al termine, lasciando un vuoto incolmabile in tutti i fan.

Pochi giorni fa, Alison Brie ha fatto una dichiarazione che inizialmente potrebbe risultare scioccante. Sul suo profilo Instagram la star ha infatti ammesso di rimpiangere la scelta di aver accettato il ruolo di Diane.

Con il senno di poi, vorrei non aver dato voce a Diane Nguyen. Ora capisco che le persone di colore dovrebbero essere sempre doppiate da persone di colore. Abbiamo perso una grandiosa opportunità di rappresentare la comunità vietnamita-americana in modo accurato e rispettoso e per questo sono estremamente dispiaciuta. Applaudo tutte le persone che hanno rinunciato ai personaggi che doppiano negli ultimi giorni. Ho imparato molto da loro.

La Brie ha dichiarato apertamente, con questo post, il suo supporto a tutti coloro che, in questi giorni, hanno deciso di lasciare il doppiaggio di personaggi che non corrispondevano all’etnia di chi prestava la voce. Sicuramente una decisione difficile per tutti, ma necessaria se si vuole mettere la parola STOP al razzismo e alla diversità.

Bojack Horseman: la risposta del creatore

La risposta di Ralphael Bob-Waksberg non si è fatta attender molto. Il creatore di Bojack Horseman ha infatti condiviso su Twitter una lunga discussione per spiegare come fu pensato il personaggio e perché fu scelta proprio Alison Brie per il ruolo di Diane.

Anche nei piccoli modi in cui abbiamo scritto l’esperienza di Diane come persona di colore, in modo specifico come una donna di origine asiatica, siamo stati raramente abbastanza specifici da pensare cosa voleva dire specificamente essere vietnamita-americana e quello è stato un immenso errore razzista da parte mia. L’intenzione alla base del personaggio è sempre stata che volevo scrivere qualcosa di diverso dagli stereotipi e cerare un personaggio che non venisse definito dalla sua razza. Ma mi sono spinto troppo oltre nell’altra direzione. Siamo tutti definiti in qualche modo dalla nostra razza! E ovviamente lo siamo! Fa parte di noi! Avremmo dovuto assumere uno sceneggiatore vietnamita e un’attrice vietnamita per interpretare Diane o modificare il personaggio per adattarsi a chi abbiamo assunto.