DUNKIRK, 5 curiosità sul film evento di Christopher Nolan

0
316

Tecnologia Imax, un casting molto discusso, abitanti locali. Dunkirk, il blockbuster in pillole da rivedere sicuramente a giugno su Netflix.

Christopher Nolan is back con Dunkirk, una spettacolare ricostruzione di alcuni eventi realmente accaduti durante la Seconda Guerra Mondiale. Dal 15 giugno il piccolo gioiellino arriverà su Netflix, vederlo è praticamente d’obbligo a meno che non lo abbiate già gustato al cinema che allora si tratta di un rewatch. Vi avviso già, il film ha fatto molto parlare di sé e sollevato anche numerose discussioni e polemiche.

Dunkirk in breve…

A fine maggio 1940 il Corpo di Spedizione Britannico insieme alle truppe francesi, belghe e canadesi indietreggia fino alla spiaggia di Dunkirk. Sebbene ci siano solamente 26 miglia dalla salvezza, non c’è nessun modo per raggiungere l’altra sponda a causa della secca di sette metri. Le speranze non sono ancora perdute perché si dà il via all’Operazione Dynamo.

Vediamo ora alcune curiosità sul film

Dunkirk: il film più sorprendente di Nolan sovverte le sue regole ...

Una ricerca di testimonianze storiche

In un’intervista Nolan ha rivelato che all’inizio era quasi intenzionato a non scrivere una sceneggiatura. Il cast infatti doveva improvvisare gran parte delle scene. L’idea ovviamente fu accantonata e a fargliela cambiare è stata proprio la moglie, Emma Thomas, che l’ha dissuaso più volte di cambiare schema. Così il noto regista si dedicò a ricerche e testimonianze storiche affinchè tutto sia quanto più verosimile possibile.

Leggi anche: Interstellar, 5 motivi per (ri)vederlo su Netflix

Storico, ma ipertecnologico

Imax e la tecnologia sono in realtà le vere protagoniste di questo film. Nolan aveva già utilizzato questa tecnica nel “Il Cavaliere Oscuro”, ma in Dunkirk affina le sue capacità introducendo anche il formato panoramico alternando così all’Imax e il 65mm per evidenziare meglio l’epicità di questa impresa.

“Quando ci si siede al cinema, lo schermo sparisce e si ha una vera e propria esperienza sensoriale fisica in quanto offre panoramiche incredibili ed azioni a larga scala. Negli anni, però, abbiamo scoperto che se si usa anche per situazioni intime, crea un’immediatezza decisamente coinvolgente. E così la nostra sensazione era che se fossimo riusciti a trovare un modo nuovo per usarlo, il risultato ci avrebbe soddisfatto ben oltre le aspettative.”

Harry Syles sì o no?

Come vi dicevo prima Dunkirk ha sollevato numerosi dibattiti e dubbi sia tra i fan che tra la critica. Uno tra questi è la scelta di introdurre nel cast Harry Styles, la star degli One Direction. Senza criticare le sue capacità attoriali, Nolan cercava attori giovani che interpretassero i soldati al fronte. La sua intenzione era quella di dare un’immagine coerente agli eventi storici.

Christopher Nolan spiega perché Harry Styles non appare nei ...

“In tanti hanno espresso perplessità e ci sono stati molti commenti negativi. Devo fidarmi del mio istinto e Harry era perfetto per questa parte. Non sono preoccupato della situazione. Non conoscevo Harry. Ne avevo sentito parlare grazie ai miei figli ma non sapevo molto di lui. Quello che stavo vedendo quando ha fatto l’audizione è stato un ragazzo davvero carismatico che chiaramente aveva dell’onestà e della finezza nella sua capacità di recitare”.

Il molo restaurato

In occasione delle riprese del film, la troupe ha deciso di restaurare quello che ne rimaneva del molo originale del 1940. Il restauro prevedeva infatti di riportare la versione originale in vita con un frangiflutti in pietra su cui poggiava una struttura in legno bianca dove potevano attraccare le navi.

Dunkirk non racconta la guerra, te la fa sentire - The Shelter

Il coinvolgimento degli abitanti locali

Le comparse utilizzate nel film provengono veramente da Dunkirk e dalle aeree circostanti per rendere la pellicola ancora più veritiera. Il sindaco ha quindi cercato di aiutare in ogni modo la produzione mettendo a disposizione tutta la zona e ricostruendo gran parte degli eventi del 1940 tramite tutti i pezzi dei relitti ritrovati sulla spiaggia.

L’appuntamento è per il 15 giugno su Netflix. Continua a rimanere aggiornato su tutte le novità in catalogo con Fuori Series.