Consigli sotto l’ombrellone #15: ecco perché guardare Attack on Titans in 3 semplici motivi

0
164

L’Attacco dei Giganti, o meglio conosciuto come Attack on Titans, è l’anime del momento di cui tutti parlano. Ecco 3 ragioni per premere play ed entrare in questo mondo distopico!

Non siete ancora entrati nel mondo utopico raccontato dal genio, malato, di Hajime Isayama? Vergogna, ma tranquilli c’è tutta l’estate per recuperare Attack on Titans, il piccolo gioiellino animato che vi farà letteralmente impazzire. Partiamo però per gradi. Innanzitutto, dovete sapere che la serie su Netflix è tratta dall’omonimo manga di tipologia shonen, una delle storie più famose e più acclamate degli ultimi anni insieme a One Punch, My Hero Academia e One Piece. Perché dunque vederlo? Ecco a voi 3 semplici motivi!

STAGIONI: 3
STATUS: in attesa della 4

DURATA: 30 min
PIATTAFORMA: Netflix

Prima di continuare nella lettura mi piacerebbe invitarti nel nostro canale Telegram dedicato a tutte le news sul mondo Netflix. Iscriviti a NEWS NETFLIX ITALIA e rimani sempre aggiornato in tempo reale sulle tue serie tv e i tuoi film Netflix preferiti!

Attack on Titans in pillole

In un mondo fittizio l’umanità è costretta a vivere dietro alle mura enormi della città, in un luogo segregato perché al di fuori di esse ci sono i terribili Giganti, esseri antropomorfi che si cibano delle persone. Eren Jeager e i suoi due amici d’infanzia, Armin e Mikasa, vivono tra le mura in un paese piuttosto pacifico. Era oltre un secolo che non si vedeva più l’ombra di un gigante fino a quando un corazzato ha sfondato ogni protezione.

Attack on Titan e Pacific Rim sono la stessa cosa?

Splatter e adrenalina

Azione, combattimenti e tantissima adrenalina. Ogni puntata vi farà vivere in prima persona l’angoscia dell’umanità in questa nuova realtà prettamente distopica. Tutto è ovviamente amplificato dalle numerose scene splatter che colorano Attack on Titans: un momento sei vivo e un secondo dopo sei in realtà cibo per giganti. Il vostro corpo viene brutalmente divorato e ingoiato da questi mastodontici esseri. Insomma, un prodotto non adatto a tutti specialmente perché non c’è censura e il sangue scende copioso.

L’opprimente senso di impotenza

L’umanità non può vincere, questo è il messaggio che Attack on Titans ricorda sempre ad ogni puntata. I mostruosi giganti sembrano essere letteralmente infiniti oltre ad essere incredibilmente forti e voraci di carne umana. Ogni loro singola parte del corpo si autorigenera velocemente e l’unico loro punto debole si trova dietro la nuca: estremamente delicato, ma allo stesso tempo estremamente difficile da trovare. Non sappiamo nulla sulla loro natura, cosa li spinga a fare tutte queste cose, ma soprattutto da dove vengono?

Attack on Titan: rilasciato il trailer della quarta stagione

I plot twist sono all’ordine del giorno. Man mano che si va avanti con la storia tutte le nostre domande e le nostre perplessità iniziano ad avere una propria risposta dando il via ovviamente ad una fitta rete di misteri. Tutto si incastra perfettamente come in un puzzle, nessun dettaglio e nessuna scena viene messa a caso. Parola d’ordine: MINDFUCK!

Volare sopra i tetti della città

A rendere tutto ancora più eccitante in questa lotta disperata per la sopravvivenza tra Giganti e umani sono i mezzi che la milizia militare utilizza per spostarsi sopra a tetti della città. Grazie al dispositivo di manovra tridimensionale i soldati riescono a raggiungere la nuca degli aggressori e ad ucciderli con grosse spade super affilate. Tramite cavi e bombolette a gas i nostri protagonisti riescono a coprire anche grandissime distanze in pochissimo tempo. Padrone di questa tecnica è senza ombra di dubbio il Capitano Levi, il miglior personaggio di questo anime.

Attack On Titan - Levi Ackerman 「AMV」 My Name - YouTube

Freddo, distaccato, senza alcun filtro, è in realtà il più emotivo di Attack on Titans. Il suo stile di combattimento? Pura poesia in movimento, specialmente quando si lascia andare alla rabbia. Ogni sua piroetta è puro piacere per gli occhi.

Non ci resta dunque che augurarvi una buona visione!