Gaten Matarrazzo e la malattia genetica




Il 27 Ottobre è uscita la seconda stagione di Stranger Things e dopo aver dichiarato Dustin il personaggio più divertente, abbiamo deciso di fare una ricerca sulla sua vita privata.

Te l’ho detto un milione di volte, i denti mi cresceranno! Si chiama Displasia Cleidocranica!

Ed è proprio all’inizio della prima puntata di ST la confessione di Dustin di avere una malattia genetica che gli permette di “fare quella cosa con le spalle”. Purtroppo, non si tratta solo di una scelta registica e di sceneggiatura: Gaten Matarrazzo è realmente affetto dalla displasia cleidocranica.

Chi di voi era a conoscenza di questa patologia? Noi no di certo, così abbiamo fatto una ricerca.



Si tratta di una malattia congenita di tipo ereditario, dovuta ad una mutazione genetica, che porta al mancato sviluppo della dentatura permanente e alla mancanza totale o parziale della clavicola e di mancato sviluppo di ossa e articolazioni.

La displasia colpisce in modo generalizzato l’apparato scheletrico, portando moltissimi problemi soprattutto alla clavicola, che può essere assente o in parte presente, e al cranio.
Nel caso di Gaten, la clavicola non è presente e la patologia ha colpito unicamente la dentatura: ha effettuato due operazioni alla bocca per poter avere dei denti apparentemente normali, motivo per cui nella seconda stagione sente il bisogno di mostrare le sue perle.

Grazie alla sua partecipazione a Stranger Things, l’attore di Dustin si è fatto portavoce di moltissime campagne con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione globale riguardo a questa rara malattia: tante persone affette hanno contattato Gaten ringraziandolo per quello che sta facendo affinché venga ampliata la conoscenza riguardo la displasia.


Con noi rimanere sempre aggiornati è semplicissimo, iscriviti alla nostra pagina Facebook e condividi!

Commentatrice seriale che tra un episodio e l’altro frequenta l’Università.

Greta Nicoli

Commentatrice seriale che tra un episodio e l'altro frequenta l'Università.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.