Addio a Gigi Proietti, la voce della nostra infanzia: uno sguardo alla sua carriera

0
149
gigi proietti tributo

Oggi è un giorno triste per il mondo del teatro. Gigi Proietti si è spento il giorno del suo compleanno e questo è un piccolo tributo alla sua carriera.

Ci lascia nel giorno del suo 80 compleanno Gigi Proietti, grande artista di teatro, cinema e piccolo schermo. Noi di Fuori Series lo vogliamo ricordare anche come colui che ha prestato la sua voce ad alcuni personaggi memorabili della nostra infanzia! Addio, Cavaliere Nero!

Prima di continuare nella lettura mi piacerebbe invitarti nel nostro canale Telegram dedicato a tutte le news sul mondo Netflix. Iscriviti a NEWS NETFLIX ITALIA e rimani sempre aggiornato in tempo reale sulle tue serie tv e i tuoi film Netflix preferiti! Non preoccuparti, non è un canale esclusivo, lo abbiamo esteso anche a Disney Plus e Amazon Prime Video!

Da Sylvester Stallone a…Gatto Silvestro

Forse, non tutti sanno che Gigi Proietti, prima di dare la voce al Genio di Aladdin, ha prestato la sua voce a grandi talenti del cinema americano: Sylvester Stallone nel primo ‘Rocky’, Robert de Niro in ‘Mean Streets – domenica in chiesa, lunedì all’inferno’, film del 1973 di Martin Scorsese, e ancora Anthony Hopkins in Hitchcock’, Donald Sutherland ne ‘Il Casanova di Federico Fellini’, Michel Piccoli nel Diabolik di Mario Bava, per arrivare a Sir Ian McKellen, voce originale di Gandalf, a cui diede la voce nella nuova trilogia di Peter Jackson, ‘Lo Hobbit’.

Ma, il suo esordio è nel 1964, quando presta la voce a Gatto Silvestro, personaggio storico dei Looney Tunes, nei cartoon della Warner Bros.

Le meraviglie del doppiaggio per Gigi Proietti

Non c’è ombra di dubbio che Gigi Proietti abbia reso iconica la voce del Genio della lampada nel film Disney ‘Aladdin’ e che in originale fu doppiato da Robin Williams.

Nel documentario ‘Do, re, mi, fa, fantasia e Disney: un’eredità in musica’, andato in onda nel 1995 su Rai 1, Proietti raccontò di che grande onore fosse stato per lui essere scelto da Walt Disney per interpretare il Genio e quanta fortuna gli avesse portato questo personaggio.

gigi proietti robin williams

“Ecco perché, ogni volta che un Genio esce dalla lampada, io sono pronto a doppiarlo!” afferma nel documentario.

E mai frase fu più vera, dal momento che prestò la voce all’omone blu anche nei due sequel di Aladdin, ‘Il ritorno di Jafar’ e ‘Aladdin e il re dei ladri’, per non parlare dei videogiochi ispirati al cartoon Disney.

Il suono è importante nei cartoni animati, anche nei film con persone in carne e ossa, ma nei film animati è fondamentale. C’è tanta musica in questi film, perché la musica permette di portarti lontano e di perderti in questi mondi incredibili di fantasia“.

In riferimento all’arte del doppiaggio e alle sue difficoltà, sempre nel documentario, Proietti ha dichiarato: “Il doppiaggio italiano e quello americano sono molto diversi, perché in originale è sulla voce dell’attore americano che viene realizzato il personaggio, sulla sua voce viene creato il disegno. Per noi attori italiani il compito è così facilitato, perché dobbiamo ricodificare la nostra voce con quella originale.

Nel caso del Genio, mi sono affidato alla bravura di Robin Williams. Ma lui, oltre a essere uno straordinario attore, è anche un imitatore e nel Genio ha portato molte imitazioni di personaggi americani, che qui in Italia non sarebbero stati compresi. Dunque, quando ho doppiato il personaggio, ho sognato – e in questo Walt Disney aiuta molto- chissà se un giorno, sarà possibile salire sul palcoscenico e cambiare e modificarsi come in un cartone animato, averne le stesse possibilità. E chissà che un giorno non sia davvero possibile!”

Se non lo sapete, Proietti è tornato anche nel remake di ‘Aladdin‘, dove però ha dato la voce al Sultano, padre di Jasmine!

Leggi anche: Febbre da cavallo, 5 curiosità sul film con Gigi Proietti

Gigi Proietti e i draghi

Proseguiamo in questo piccolo omaggio a un grande artista e ricordiamolo per essere stato la voce di due, anzi tre draghi molto importanti. Nel film ‘La spada magica -Alla ricerca di Camelot’, di Frederik Du Chau del 1998 e molto sottovalutato, nonostante la presenza di canzoni meravigliose (cantate da Celine Dion Massimo Corvo), personaggi ben fatti e una storia avvincente, Proietti ha interpretato i draghi gemelli Devon e Cornelius, due draghi fratelli che condividono un solo corpo, ma con due teste e personalità ben distinte.

Ebbene, grazie alla sua interpretazione, Gigi Proietti ha dato vita a due personaggi ben distinti, accomunati dal suo timbro inconfondibile.

Ultimo, ma non meno importante, è stato la voce del meraviglioso Draco, il drago saggio e compassionevole del film ‘Dragonheart’, che insieme al cavaliere Bowen (Dennis Quaid) sconfigge il alvagi re Enon (David Thewlis), riportando armonia in un mondo devastato dall’odio e dal male. Un film che ancora oggi riesce a commuovere e che se non avete visto, dovete recuperare!

gigi proietti sean connery dragonhart

Senza contare che la voce originale di Draco è di Sean Connery, scomparso proprio pochi giorni prima di Proietti!

E per salutare Gigi Proietti un’ultima volta, vogliamo lasciarvi con le parole di Draco e Bowen nel film:

“E adesso, Draco, senza di te, che cosa faremo? A chi ci rivolgeremo?

“Alle stelle, Bowen. Alle stelle.”