Dark | Il recap più difficile della storia dei recap

0
896

ATTENZIONE AGLI SPOILER!

Da qui in poi questo articolo è pieno zeppo di spoiler quindi se avete intenzione di vedere la serie tutta d’un fiato per arrivare pronti ai nuovi  episodi tornate dopo aver concluso il binge watching perchè potrei rovinarvi una delle serie più interessanti degli ultimi anni!

Se siete rimasti, allacciate le cinture e munitevi di penna e taccuino per prendere appunti e tuffiamoci insieme in questo mega recap!

Un anno e mezzo e tantissima pioggia fa…

Per spiegare questa intricata storia è bene partire da uno dei personaggi chiave: Noah, che nel 1953 crea una macchina capace di generare buchi spazio-temporali di 33 anni. Per testarne la funzionalità rapisce bambini ragazzi che a causa dei malfunzionamenti muoiono.

Questo congegno è la causa che crea il loop temporale di 33 anni attorno al quale si intrecciano le vite e le vicende dei cittadini di Winden, la tipica cittadina tedesca immersa nel verde.

dark tostadora
Tostadora.it

Il loop è costituito da un tunnel che permette a chi lo attraversa di viaggiare in tre differenti diramazioni della storia del paese: 1953, 1986 e 2019. Ecco spiegata la giovinezza eterna di Noah.

Per evitare inutili complicazioni che vi potrebbero solo confondere le idee, riassumeremo in breve gli eventi principali utili per ricordare le vicende.

Giugno 2019. La tranquillità della cittadina di Winden viene rotta da due tremende sparizioni, il giovane Erik e Yasin, e il suicidio di Michael, padre di Jonas, lasciando al figlio una importante lettera.

Novembre 2019. Dopo mesi di ricerche, Mikkel, figlio del detective Ulrich, scompare dopo essere entrato nella caverna di Winden con i fratelli. Ritrovatosi da solo, decide di ripercorrere la strada verso casa ma ben presto si renderà conto di essere stato catapultato nel 1986. La stessa notte viene ritrovato nel bosco di Winden il corpo di un ragazzino: Mads Nielsen, fratello di Ulrich, scomparso 33 anni prima.

Leggi anche: Dai creatori di Dark il nuovo horror storico dal titolo 1899

I ritrovamenti e le sparizioni sono troppo insolite perchè il detective Ulrich possa darsi pace: egli infatti inizia ad indagare a fondo sulle vicende cittadine e scopre uno strano collegamento tra i ragazzini, suo figlio ed un anziano signore con demenza senile di nome Helge. Egli, a quanto pare, è a conoscenza di tutta la storia e sembra essere il complice di Noah.

Dopo aver avuto conferma dallo stesso Helge, Ulrich decide di intraprendere una missione che lo porterà a viaggiare nel tempo (torna al 1953) nel tentativo di eliminare l’anziano prima che possa macchiarsi dei crimini di cui lo accusa.

Non sarà per nulla semplice portare a termine la missione (caro Ulrich è stato un viaggio faticoso ed inutile) perchè il giovane Helge sopravvivrà all’attacco del detective.

Non contento, verrà arrestato e ritenuto colpevole dell’omicidio di due bambini ritrovati nel cantiere della fabbrica. Vi ricordate chi sono? Sono Erik e Yassin, rapiti nel 2019, morti nel 1986 e scaricati nel 1953. WTF?!

Sono consapevole della quantità di informazioni apparentemente assurde, ma Dark è proprio questo: un incredibile viaggio mentale e temporale che, visto con occhi poco attenti, può sembrare un gran casino.

Tempo fa abbiamo creato una mappa concettuale che può esservi utile per capire meglio le relazioni tra i personaggi. Speriamo vi sia utile.

dark recap

Lascia un bel Like alla nostra pagina Facebook e aiutaci a crescere!